Ass.ne Culturale Il Migliore

«Veniamo da molto lontano e andiamo molto lontano! Senza dubbio! Il nostro obiettivo è la creazione nel nostro Paese di una società di liberi e di eguali, nella quale non ci sia sfruttamento da parte di uomini su altri uomini»

Recensione Libri

La storia di Togliatti, Jotti e la morale dell’epoca

Il libro si legge come un romanzo e si sostanzia come un saggio di storia politica e sociale di una nazione e narra la storia d’Italia nel quale si intersecano le vite di due persone che assurgeranno ad un ruolo importante per il Paese: Palmiro Togliatti e Nilde Jotti.

Una storia d’amore che deve scontrarsi e andare oltre il bigottismo del Paese, della DC e dello stesso Pci. Supereranno tutte le tempeste e le avversità e la loro storia d’amore, resa più tormentata per la grande differenza d’età dei due protagonisti, rimarrà forte e viva per sempre.

Togliatti era sposato e benché il matrimonio con Rita Montagnana fosse esaurito da tempo fu difficile far accettare la nuova compagna anche ai militanti e dirigenti del Pci, perché la morale dell’epoca non lo accettava, come il caso di quegli stessi anni della relazione tra Fausto Coppi con Giulia Occhini la cosiddetta Dama Bianca.

Per questo decisero fin dall’inizio di non volere un figlio, perché andavano contro le regole, contro la morale dell’epoca e per la Jotti fu un dolore e un rimpianto per una decisione che evitò a Togliatti di essere travolto dallo scandalo. Importante per la loro vita privata sarà la decisione di adottare una bambina di nome Marisa, una figlia delle vittime dell’eccidio di Modena avvenuto il 9 gennaio 1950 per opera della polizia di Scelba.

Nilde Jotti sarà sempre a fianco de “Il Migliore”, dall’attentato subito il 14 luglio del 1948 dal leader comunista dove il coraggio di Nilde Jotti gli salvò la vita; fu una figura su cui Togliatti poteva sempre fare riferimento anche politicamente a cominciare dagli elementi di riflessione sulla questione del rapporto tra le donne e la politica che allora stavano appena emergendo nel dibattito politico. Fu lei che amorevolmente si presta a fare da dattilografa a Togliatti come accadde per la stesura del famoso “Memoriale di Yalta”.

Togliatti muore il 21 agosto 1964 e solo ai funerali Nilde Jotti è citata da Luigi Longo per la prima volta pubblicamente come “la compagna di Togliatti”.

In seguito Nilde Jotti continuò il suo cammino politico ed emerse la sua figura di dirigente di partito, di donna valorosa nella quale emerse la sua statura politica, tanto è vero che fu la prima donna a ricoprire la carica di Presidente della Camera dei deputati.

Nilde Jotti muore nel 1999 e per suo espresso volere verrà sepolta vicino a Togliatti a dimostrare che anche a distanza di trentacinque anni l’amore per lui non era finito.

Cesare Tiberi

Il Migliore e la Dama Rossa. L’Italia di Palmiro Togliatti e Nilde Jotti

Sergio Barbero

Graphot Editrice

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: